ARCHITETTURA IN LEGNO - MADE IN ITALY

Ecco i vincitori del 1° Premio Nazionale

Bolzano, 27 gennaio 2017 – C’era grande attesa nel Salewa Headquarter di Bolzano per la consegna dei Premi del Concorso che Lignius, Associazione Nazionale Italiana Case Prefabbricate in Legno ed IN/ARCH - Istituto Nazionale di Architettura, sostenuti da Unifix, azienda leader nei sistemi di fissaggio per il legno, e da altre eccellenze del settore, hanno deciso di istituire per premiare le migliori architetture in legno prodotte in Italia negli ultimi 10 anni, sia come edifici di nuova costruzione, sia come interventi di ristrutturazione e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente. La cerimonia è andata in scena stamattina e non ha deluso le aspettative.

In Italia l’uso del legno strutturale non ha soltanto una storia illustre nel lontano passato. Nell’ultimo decennio, insieme a una forte espansione delle realizzazioni edilizie in legno, si è diffusa una nuova sensibilità, sia da parte dei progettisti, sia da parte della committenza pubblica e privata, circa le elevate potenzialità di questo materiale su fronti fondamentali per il nostro paese: efficienza energetica, velocità esecutiva, qualità edile, ambientale e antisismica. L’obiettivo del concorso era quello di individuare, premiandoli, i migliori lavori nel campo della progettazione, realizzazione e ristrutturazione con il legno.

Il successo del concorso è sotto gli occhi di tutti! Più di 200 progetti candidati con la presenza dei grandi nomi dell’Architettura Italiana, come Michele De Lucchi (AMDL), Alfonso Femia (5+1), Mario Cucinella e Matteo Thun, con oltre 5.000.000 di contatti web e social raggiunti ed oltre 2.000.000 di visite sul sito dedicato. Questi dati dimostrano che l’edilizia sostenibile è entrata nella fase della piena maturità.

Il livello qualitativo della competizione era altissimo e gli esperti della commissione hanno analizzato con cura e fin nei minimi dettagli ogni aspetto: dall’estetica al grado di innovazione, dalla tecnologia al tasso di sostenibilità, sempre in un clima di confronto aperto e trasparente. Nel rispetto del lavoro di tutti e al fine di premiare progetti profondamente differenti, la commissione ha deciso di aumentare il numero di categorie. Inoltre, per dare il giusto risalto alla grande partecipazione pervenuta dai social è stato deciso di istituire un premio particolare, quello dedicato al progetto più votato dal pubblico.

Ecco alcuni componenti della prestigiosa commissione, professionisti ed esperti in rappresentanza del mondo architettonico, accademico, giornalistico ed edilizio che hanno vagliato attentamente gli oltre duecento progetti in concorso: Arch. Francesco Orofini (Vicepresidente IN/ARCH), Arch. Massimo Locci (IN/ARCH), Prof. Ario Ceccotti (ex direttore CNR Ivalsa, docente di Tecnica delle Costruzioni), Arch. Donatella Bollani (Vicedirettore Domus, Ex Direttore di Archetipo e del settore Edilizia del Sole24Ore), Edoardo Zanchini (Vicepresidente Legambiente), Johann Waldner (Presidente Lignius).

Ecco svelati i progetti che tale giuria ha ritenuto opportuno premiare:

Primo Premio
Nuova edilizia in Legno

Arch. Alfonso Femia e Giovanni Peluffo, 5+1
con Residenze a Brescia




VINCITORI DELLE RELATIVE CATEGORIE


Casa unifamiliare / villa
Jacopo Mascheroni con Jesolo Lido Pool Villa
Casa plurifamiliare
Alberto Winterle con Abitazione Privata
Edifici Scolastici
Mario Cucinella, MCA, con Nido d’infanzia Guastalla
Uffici / Commerciali
Matteo Scagnol / Sandy Attia con Sede Damiani Holz & Co, Lignoalp
Strutture Alberghiere
Matteo Thun con Vigilius Mountain Resort
Social Housing
Alfonso Femia con Residenze a Brescia

Primo Premio
Ristrutturazione in Legno

Wolf Haus con Jürgen Prosch / Felix Kasseroler
con Casa G




VINCITORI DELLE RELATIVE CATEGORIE


Ristrutturazione
Ulrike Hell con Paramount Residence Alma
Ampliamento
Daniela Silvana Finocchiaro con Casa SG
Sopraelevazione
Wolf Haus con Jürgen Prosch / Felix Kasseroler con Casa G

PREMIO SPECIALE SOCIAL MEDIA

Luca Giordano, Green Texture – NZEB

L’architettura italiana, già da qualche anno, usa il legno come mezzo espressivo e moderno per costruire le abitazioni del futuro: un futuro che ha nella bellezza, nella sostenibilità, nell’efficienza energetica e nella realizzazione di design all’avanguardia i suoi punti di forza. Il legno è una risorsa per la creatività e un’eccellenza tecnologica. Il suo utilizzo è una vera e propria arte urbana, perché permette una libertà espressiva unica. È tempo che l’edilizia italiana ne assuma piena consapevolezza. I vincitori del concorso e i progetti menzionati sono pubblicati sul sito dedicato www.concorsoarchitettura.it. Bolzano / Roma, 30 Gennaio 2017