L’impiantistica chiede attenzione al Governo che verrà

Case Prefabbricate Novità lignius.it
lignius, case in legno, case prefabbricate in legno, impianti, impiantistica, cna, imprese
0/5
votato da 0 persone

CNA Installazione Impianti propone innanzitutto la costituzione di un tavolo permanente di consultazione presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

All’interno del settore costruzioni, la filiera impiantistica ha assunto negli ultimi anni un peso sempre più importante. E’ un trend che fa prevedere una notevole crescita dell’impiantistica nei prossimi anni e che fa stimare un incremento del 15% della spesa impiantistica negli edifici per il periodo 2009-2018.

“E’ del tutto evidente che un settore con questi numeri e naturalmente vocato all’innovazione in quanto la componente tecnologica ha acquisito un ruolo crescente all’interno delle opere edili e infrastrutturali - afferma Carmine Battipaglia, Presidente di CNA Installazione Impianti - necessita di maggiore attenzione da parte delle istituzioni. Sarebbe pertanto un segnale forte di attenzione nei confronti del nostro settore la costituzione di un tavolo permanente di consultazione presso il Ministero dello Sviluppo Economico di tutti gli stakeholder del settore impiantistico”.

Tra gli aspetti sui quali CNA Installazione Impianti insiste da tempo c’è quello dell’introduzione del fascicolo di fabbricato e dell’obbligatorietà, come già per quello termico, di un libretto di impianti elettrico ed elettronico. L’istituzione del fascicolo di fabbricato, di un documento, cioè, che contenga i dati  della struttura e degli impianti di un edificio è divenuta un atto obbligato; conoscere la storia tecnica dei fabbricati nei quali abitiamo o lavoriamo non può più essere considerato un mero esercizio accademico che interessa pochi esperti ed addetti ai lavori, ma una vera e propria necessità che riguarda tutti i cittadini.

“Fascicolo di fabbricato e libretto di impianto elettrico e termico - conclude Battipaglia -  sono pertanto ormai delle necessità ineludibili, e non più rinviabili, se si vuole seriamente pensare ad una politica della sicurezza e dell’efficienza energetica del nostro patrimonio immobiliare che sino ad ora è colpevolmente mancata”.