Preventivo Casa in Legno

La ‘scelta scellerata’ sui condoni edilizi

Case Prefabbricate Novità lignius.it
lignius, case in legno, case prefabbricate in legno, condono edilizio, condoni edilizi, dl genova, legambiente
0/5
votato da 0 persone

Legambiente: “Evidentemente la sicurezza dei cittadini e la tutela del territorio non sono un tema così prioritario per questo Governo e quanto accaduto al Senato ne è una prova”

Il Dl Genova è stato approvato, con al suo interno i tanto contestati condoni edilizi. Da Legambiente arriva una nuova, dura presa di posizione per bocca del presidente nazionale Stefano Ciafani: "In Italia, per la quarta volta nella storia del Paese, ha vinto la politica dei condoni a dispetto della legalità, della lotta all'abusivismo e dell'onestà tanto decantata dai Cinque Stelle. Evidentemente la sicurezza dei cittadini e la tutela del territorio non sono un tema così prioritario per questo Governo e quanto accaduto al Senato ne è una prova.

L'Aula di Palazzo Madama ha approvato senza guardare in faccia nessuno il Decreto Genova, mantenendo all'interno del provvedimento le norme salva abusi previste per l'isola di Ischia e le zone terremotate del Centro Italia e bocciando l'emendamento contro il condono Ischia che aveva avuto il via libera due giorni fa in Commissione ambiente e lavori pubblici. Una scelta scellerata che di certo non fa bene al Paese, territorio fragile a rischio sismico e idrogeologico, alla tutela del territorio, alla sicurezza dei cittadini e del patrimonio edilizio.

Ora con questo Decreto nell'isola di Ischia le case abusive e terremotate nel 2017 saranno sanate e ricostruite con soldi pubblici anche in zone a rischio idrogeologico e sismico, grazie alla valutazione di istanze inevase dai comuni utilizzando la normativa molto permissiva del 1985; mentre nella zone terremotate del Centro Italia saranno condonati gli abusi fatti fino all'estate del 2016 riaprendo i termini temporali del condono del 2003. E soprattutto con queste due sanatorie il rischio evidente è che quanto accaduto a Ischia e nel Centro Italia, possa essere replicato in altre parti del Paese dando il via ad una nuova sanatoria diffusa e a nuovi abusi".