Preventivo Casa in Legno
Blog Case Prefabbricate

Se gli scienziati del clima governassero il mondo …

Case Prefabbricate Case in Legno di lignius.it
5/5
votato da 1 persone

Realizzare case ecologiche, abbandonare le macchine, rimboschire le foreste pluviali, mangiare più verdure - cosa deve fare immediatamente l’umanità per fermare il riscaldamento globale? Questo è ciò che nove importanti ricercatori hanno risposto!

Cambiare radicalmente l'approccio in edilizia, visto che nelle case si consuma 1/3 dell'energia del pianeta, e passare subito da edifici tradizionale energivori alle #CaseinLegno sostenibili (le uniche in grado togliere CO2 dall'ambiente), è un dato di fatto. Ma non basta! Non possiamo andare avanti così. Se la terra si riscalda di oltre 1,5° entro l'anno 2100, le conseguenze saranno molto molto serie. Irreversibili cambiamenti climatici saranno messi in moto, come mostra l'ultimo rapporto speciale del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite.

Abbiamo chiesto a nove eminenti scienziati del clima di immaginare se fossero l'unico sovrano del pianeta, cosa farebbero per limitare il riscaldamento globale se no dovrebbero chiedere a nessuno, non dover ricorrere a negoziati, dispute politiche o compromessi. Quale azione immediata prenderesti? Ecco le loro risposte:

Brigitte Knopf

"Tassare l’emissione di CO2 per rende la ricerca di tecnologie come l'energia eolica e solare ancora più competitiva"

Non permetterei più che paesi, aziende e cittadini emettano anidride carbonica gratuitamente. Ciò renderebbe tutti responsabili degli effetti negativi delle emissioni fossili, che comprendono i cambiamenti climatici, l'inquinamento atmosferico e i problemi di salute. Una tassa sulla CO2 avrebbe tre effetti: in primo luogo, punisce il consumo di energie fossili, petrolio e gas in base al loro contenuto di carbonio. In secondo luogo, rende competitive le tecnologie senza emissioni di CO2 come l'energia eolica o solare e guidano nuovi investimenti in quella direzione. In terzo luogo, genera entrate per i governi, che sarebbero ridistribuite su base pro capite. Ciò proteggerebbe le famiglie più povere. La ricerca MCC mostra che la CO2 potrebbe finanziare l'accesso universale all'acqua pulita e ai servizi igienico-sanitari in molti paesi (Nature Climate Change : Jakob et al., 2015). Ciò renderebbe la politica per il clima una storia di successo.

Brigitte Knopf: segretario generale del Mercator Research Institute su Global Commons e Climate Change (MCC) a Berlino.

Niklas Höhne

"Tutti i nuovi impianti industriali devono essere privi di emissioni di CO2 entro il 2025"

Per mantenere il clima a livelli di sicurezza, le emissioni globali di gas a effetto serra devono essere ridotte a zero in tutti i settori e paesi. Questo è il motivo per cui prescriverei che tutto è nuovo e dovrebbe essere privo di emissioni. D'ora in poi, ad esempio, non dovrebbero essere installate solo centrali elettriche che utilizzano energia rinnovabile. A partire dai primi anni del 2020 dovrebbero essere utilizzati motori senza emissioni di CO2 e entro il 2025 nuovi impianti industriali dovrebbero essere privi di anidride carbonica. È possibile vendere l'azionamento all'orizzonte temporale e alla tecnologia a emissioni zero innovazione necessaria Inoltre, direi che dipende dall'estrazione o dall'uso del carbone.

Niklas Höhne: direttore del New Climate Institute di Berlino e un professore all'Università di Wageningen nei Paesi Bassi.

 

Friederike Otto

"Tutti i Paesi devono censire i danni"

Pensiamo agli incendi boschivi in California o a un'ondata di calore meno drammatica nell'Unione Europea la scorsa estate. Al momento, non abbiamo idea dei danni e delle perdite causate dai cambiamenti climatici fino ad oggi. È difficile risolvere un problema che è vago e spesso si presume che sia solo un problema futuro. Tutti i paesi dovrebbero quindi fare un inventario in modo da poter individuare i costi del cambiamento climatico.

Friederike Otto: direttore ad interim del Environmental Change Institute della Oxford University in Inghilterra.

 

Hermann Lotze-Campen

"Ridurre immediatamente il consumo di carne a 600 grammi a settimana"

Circa il 25% delle emissioni globali di gas serra sono attribuibili al cibo, in particolare ai prodotti a base di carne ( Climate Change 2014 : Smith et al., 2014 ). Dovremmo nutrirci di una buona percentuale di frutta e verdura. Questo aiuta a prevenire l'alta pressione e l'alta pressione, rallenterebbe il processo di riscaldamento globale. Ogni cittadino nei paesi ricchi dovrebbero ridurre il loro consumo di carne a 600 grammi alla settimana il prima possibile.

Hermann Lotze-Campen: professore di uso sostenibile della terra e cambiamenti climatici all'Università Humboldt di Berlino e Presidente della Ricerca Area II "Impatto climatico e vulnerabilità" presso l' Istituto di Potsdam per la ricerca sull'impatto climatico.

Gabriele Clarissa Hegerl

"Creare un trasporto pubblico più efficace e migliorare le videoconferenze"

Bisogna puntare su un trasporto pubblico affidabile, veloce e conveniente, in modo che i voli a corto raggio non siano necessari e molte persone possano spostarsi con i mezzi pubblici. Un'altra misura molto pratica sarebbe quella di dare maggiore peso alle tele-/videoconferenze. Questo potrebbe aiutarci a evitare molti viaggi e voli a corto raggio, che a loro volta ridurranno significativamente la nostra impronta di carbonio.

Gabriele Clarissa Hegerl: professore di scienze del clima all'Università di Edimburgo in Scozia.

Yadvinder Malhi

"Proteggere la nostra biosfera perché possa continuare ad immagazzinare CO2"

Dobbiamo preservare e ripristinare i nostri ecosistemi per garantire che siano in grado di immagazzinare e assorbire CO2, regolare le precipitazioni locali e regionali e mantenere un clima moderato. La deforestazione ha un impatto diretto sul nostro clima. Le regioni tropicali, ad esempio, sono i motori della circolazione. La perdita della foresta pluviale, che viene trasformata in allevamenti di bestiame o piantagioni di palme da olio, ha un impatto diretto anche su regioni distanti come Europa, Siberia e Nord America.

Yadvinder Malhi: un professore di scienza dell'ecosistema all'Università di Oxford in Inghilterra.

Angelika Hilbeck

"Dobbiamo trasformare il nostro sistema agro-alimentare"

La maggior parte del cibo che acquistiamo proviene dall'agricoltura industriale, specialmente nei paesi sviluppati, ma sempre più in tutto il mondo. Questa forma di agricoltura intensiva si basa su input e pratiche chimici ad alta intensità energetica e dannosi per l'ambiente. Secondo l'IPCC, rappresenta oltre il 20 percento delle emissioni globali di gas serra derivate dall'uomo ( IPCC, Working Group III: Mitigation, 2014 ). Dobbiamo quindi utilizzare sistemi di produzione agro-ecologici. Ciò significa applicare concetti ecologici e sociali nella produzione alimentare, cambiare le pratiche agricole e seguire i principi nei nostri sistemi agricoli.

Angelika Hilbeck: con l'Institute of Integrative Biology presso l'ETH di Zurigo in Svizzera.

Espen Stoknes

"Tutti i prodotti devono essere etichettati con il loro impatto di CO2"

Tutti i prodotti e servizi in tutto il mondo dovrebbero essere commercializzati e venduti con un'etichettatura chiara delle loro emissioni di CO2 e della loro impronta ambientale. Il ciclo di vita del prodotto dovrebbe essere pienamente comprensibile per il consumatore. Se il prodotto ha un'impronta positiva, neutra o negativa dovrebbe essere considerato di rilievo come il prezzo di acquisto. E dovrebbe essere facile capire dove e come sono stati realizzati i prodotti e chi li ha fatti. Ciò potrebbe essere possibile, ad esempio, con i database blockchain che tracciano e archiviano i dati e il percorso del prodotto. Ciò renderebbe più semplice la scelta da parte dei consumatori.

Espen Stoknes: autore del libro "Cosa pensiamo di quando cerchiamo di non pensare al riscaldamento globale: verso una nuova psicologia dell'azione per il clima".

Michael Mann

"Abbiamo bisogno di politici per rappresentino i nostri interessi, non quelli delle lobby"

Negli Stati Uniti, stiamo ancora incentivando i combustibili fossili rispetto alle energie rinnovabili. Questo è l'opposto di ciò che è richiesto. Abbiamo bisogno di politici che rappresentino veramente i nostri interessi piuttosto che interessi delle lobby fossili. Al momento, il governo statunitense è guidato da quest'ultimo. Il mio appello quindi va ai miei compaesani americani. Una soluzione efficace deve includere sia l'azione personale che la politica governativa. Ma il primo è incoraggiato da quest'ultimo, quindi dobbiamo concentrarsi sull'intervento politico, che include l'elezione di politici favorevoli al clima.

Michael Mann: direttore del Penn State Earth System Center di University Park, in Pennsylvania.

Johann Waldner
Presidente Lignius (Profilo Linkedin)
CEO Ideal Marketing

© ZEIT ONLINE