Preventivo Casa in Legno
  1. Home
  2. Notizie e Mercato
  3. Il punto sul mercato dell’involucro edilizio

Il punto sul mercato dell’involucro edilizio

di
lignius, case in legno, case prefabbricate in legno, finestre, serramenti, facciate, involucro edilizio
5/5
votato da 1 persone

Ecco i numeri contenuti nel Rapporto 2019 sul mercato italiano presentato al Formu Unicmi, davanti a una platea di oltre 80 imprenditori

L’involucro edilizio, anche in una casa prefabbricata in legno, è fondamentale ai fini dell’isolamento termico e acustico. Vediamo insieme come sta andando questo settore.

Ci aiuta a capirlo il Rapporto 2019 sul mercato italiano, disponibile su www.windowmarket.it e presentato al Formu Unicmi, davanti a una platea di oltre 80 imprenditori. Il Forum è stato introdotto dal Presidente Guido Faré che ha ripercorso i 19 anni di storia dell’Ufficio Studi Unicmi evidenziando il grande bagaglio di know how acquisito attraverso la puntuale analisi dei bilanci di centinaia di imprese serramentistiche italiane, le indagini sui trend svolte su campioni selezionati di Aziende e le rilevazioni statistiche sulla produzione di profili e accessori.

I dati del Rapporto 2019 sull’involucro edilizio

Carmine Garzia, responsabile scientifico dell’Ufficio Studi Unicmi, ha evidenziato come il settore sia tornato a crescere sotto la spinta della ripresa degli investimenti nelle costruzioni (+3,1% nel 2018), le prospettive di sviluppo della domanda di serramenti e facciate sono positive e superiori alla crescita attesa del PIL per il 2019 e per il biennio 2020-2021 (con un tasso di crescita attorno al 2,5% annuo).

“Nel 2019 la domanda di serramenti e facciate supererà i 4,8 miliardi di Euro - ha annunciato Garzia -. Nel 2021 si tornerà sopra gli 8 milioni di unità finestre vendute. Continuerà una moderata ripresa della domanda di serramenti nelle nuove costruzioni residenziali, anche se inferiore alle proiezioni dello scorso anno. Il segmento non residenziale crescerà alimentando la domanda di facciate continue anche nel periodo 2020-2021, quando il mercato italiano delle facciate arriverà a sfiorare i 600 milioni di Euro di valore. I costruttori di facciate italiani sono comunque molto attivi sui mercati internazionali dove realizzano poco meno de 40% del proprio fatturato. Le quote dei tre materiali (alluminio, legno e PVC) nel mercato delle finestre resteranno sostanzialmente stabili nel 2019 mentre per il periodo 2020-2021 prevediamo un lieve calo dell’alluminio e una piccola ripresa del legno”.

“Le performance economiche e finanziarie dei produttori di finestre (alluminio, legno, PVC) hanno un trend positivo di ripresa - ha concluso Garzia -, anche se la redditività è ben lontana dai livelli ante-crisi. Permangono invece delle difficoltà per i costruttori di facciate determinate da situazioni di crisi che interessano alcune grandi aziende”.