Preventivo Casa in Legno

Ma quanti stipendi servono per acquistare una casa?

Case Prefabbricate Novità lignius.it
  • lignius, case in legno, case prefabbricate in legno, annualità, stipendio, casa
  •  -
0/5
votato da 0 persone

Lo studio si basa sui dati raccolti nelle Grandi Città, riferiti a gennaio 2018, relativi al prezzo al metro quadro di un medio usato e alle retribuzioni contrattuali annue di cassa per dipendente.

Quante annualità di stipendio ci vogliono per comprare casa? Risponde l’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa, che ha realizzato un’interessate analisi in merito prendendo in considerazione le grandi città.

Lo studio si basa sui dati raccolti dalle agenzie affiliate, riferiti a gennaio 2018, relativi al prezzo al metro quadro di un medio usato e alle retribuzioni contrattuali annue di cassa per dipendente (al netto dei dirigenti) a tempo pieno per attività economica e contratto, al lordo delle trattenute fiscali e previdenziali, ricavate dalla banca dati ISTAT. Si è inoltre ipotizzato che il reddito fosse destinato interamente all’acquisto dell’abitazione, che si è supposta di 85 mq. In questa analisi il valore finale della retribuzione è stato ottenuto da una stima.

A livello nazionale sono necessarie 6,2 annualità di stipendio per comprare casa, sostanzialmente tante quante ne servivano l’anno scorso.

A livello locale ci sono state alcune novità: la ripresa dei prezzi ha portato ad un aumento delle annualità necessarie per acquistare casa. Tra le città interessate ci sono Bologna, Firenze, Milano e Verona. La capitale scende sotto la soglia delle 10 annualità, dopo che nel 2007 aveva toccato quota 14,8 ed attualmente ne chiede 9,8. Al secondo posto troviamo Milano con 9,2 annualità ed infine Firenze con 8,6. A Palermo e Genova, invece, ne servono meno: 3,8 annualità per entrambe.

Effettuando un confronto a distanza di dieci anni, si evince che a livello nazionale la differenza è stata meno consistente, infatti si è passati da 10,2 annualità nel 2007 a 6,2 nel 2017. In questo lasso temporale Roma e Milano hanno avuto le variazioni più consistenti con rispettivamente -5 e -4,9  annualità a testa.